I trent’anni del Banco Alimentare: le iniziative in programma nella Sicilia Occidentale.

Ricorre quest’anno il trentennale della nascita del Banco Alimentare. Il Banco Alimentare dal 1989 recupera in Italia alimenti ancora integri e non scaduti che sarebbero destinati alla distruzione perché non più commercializzabili. Salvati dallo spreco, riacquistano valore e diventano risorsa per chi ha troppo poco.

Per ricordare l’evento e per raccogliere fondi è stata fatta la scelta di svolgere in 50 città d’Italia dei momenti di incontro e di festa così che i tanti volontari che si radunano soprattutto una volta l’anno per la Giornata nazionale della Colletta alimentare, possano incontrare la gente e spiegare le ragioni di questo impegno. “La fame non va in vacanza” è il nome dell’iniziativa che ha preso avvio il 1 giugno e che nella Sicilia occidentale si svolgerà questa settimana a Cefalù, a Trapani e a Cinisi.

Abbiamo chiesto a Santo Giordano che è il Presidente del Banco Alimentare della Sicilia Occidentale, quello che copre le province di Palermo, Trapani, Agrigento, di illustrarci le modalità di svolgimento delle tre iniziative.

Innanzitutto ci spiega perché queste manifestazioni in piazza piuttosto che nelle forme tradizionali dei convegni?

Pensiamo sia arrivato il momento anche per Banco Alimentare di scendere in piazza per far conoscere il nostro lavoro quotidiano a sostegno delle persone più deboli e fragili. Il nome scelto per tutte le manifestazioni “La fame non va in vacanza” vuol far capire quanto sia grave il problema della povertà alimentare nel nostro paese e lo è ancor di più nel periodo estivo, quando le città si svuotano e migliaia di persone restano sole, a volte senza aver cibo a sufficienza”.

Chi soffre di più la mancanza di cibo?

Le categorie più esposte sono le più fragili e meno visibili come i bambini e i minori che, all’interno di famiglie spesso numerose, si trovano a patire silenziosamente la fame. Banco Alimentare lavora ogni giorno per aiutare queste persone.

Ci descrive in breve qual è la situazione?

Negli ultimi dieci anni la povertà in Italia è passata dal 3% a quasi l’8,5% della popolazione; ma mentre per gli ultrasessantacinquenni è rimasta sostanzialmente stabile attorno al 4%, per bambini e ragazzi fino a 17 anni è aumentata di quattro volte, dal 3% al 12%. Il rischio di povertà cresce all’aumentare del numero di figli: in media, le famiglie in povertà sono circa il 7%, valore che sale a ben oltre il 9% per quelle con due figli e supera il 20% in quelle con tre o più figli. E il rischio di povertà aumenta dove il genitore è solo, per lo più donna.

E in Sicilia?

In Sicilia 708 strutture caritative assistono 222.000 persone di cui circa 42.000 sono bambini sotto i 15 anni. Nel 2018 sono state recuperate 9.431 tonnellate di alimenti.

Come funzione questa macchina così complessa?

La Rete Banco Alimentare opera ogni giorno attraverso 21 Organizzazioni dislocate su tutto il territorio nazionale. Nel 2018 sono state distribuite circa 90.000 tonnellate di alimenti. Di queste circa 36.000 tonnellate sono eccedenze salvate dallo spreco. Mentre 8.266 tonnellate sono state donate da oltre 5 milioni di italiani durante la Giornata della Colletta Alimentare, che si svolge dal 1997 l’ultimo sabato di novembre e che coinvolge migliaia di punti vendita della Grande Distribuzione Organizzata. Banco Alimentare distribuisce gli alimenti gratuitamente a 7.569 strutture caritative convenzionate con le Organizzazioni Banco Alimentare territoriali che aiutano 1.500.000 persone bisognose in Italia. L’attività della Rete Banco Alimentare è possibile anche grazie al lavoro quotidiano di circa 1.800 volontari.

Andiamo alle manifestazioni in programma. Dove e come si svolgeranno?

Cominceremo a Cefalù giovedì 6 giugno 2019 all’Istituto Artigianelli. Con inizio alle ore 17 ci sarà un torneo di calcetto, si potrà visitare lo stand per la campagna “La fame non va in vacanza” raccolta fondi tramite offerta di marmellate, e la mostra che ripercorre i 30 anni dalla fondazione del Banco Alimentare. È previsto inoltre uno show cooking di “cucina circolare” da parte della scuola EUROFORM di Palermo e una gara culinaria per la torta più originale avente a tema il Banco Alimentare. Alle ore 19.00 gli interventi delle autorità

E a Trapani?

Sarà venerdì 7 giugno 2019 nella Piazza ex Mercato del pesce, al Lungomare Dante Alighieri 12, sempre alle ore 17. Anche in quella occasione si potrà visitare la mostra che ripercorre i 30 anni dalla fondazione del Banco Alimentare, lo stand per la campagna “La fame non va in vacanza”; ci sarà inoltre una gara di disegno per i più piccini dal titolo: “Disegna il banco”, e una gara culinaria per la torta più originale a tema Banco Alimentare. Alle 19 l’intervento delle autorità e le premiazioni.

A Cinisi invece sarà diverso il programma? Perché?

Sarà diverso solo in parte. Sarà sabato mattina 8 giugno 2019 con inizio alle ore 10.30; si svolgerà l’OPEN DAY nel magazzino di Cinisi, S.S. 113 113 Km 291,300 c. da San Giovanni Si inizierà con l’estrazione dei biglietti vincenti della lotteria “Una briciola per chi ha fame 2019”, una gara di “Pane cunsatu”. Saranno presenti l’Arcivescovo di Monreale, Michele Pennisi, il Sindaco di Cinisi, Gianni Palazzolo, l’Assessore Leonardo Biundo.

Ci sarà anche un camper, perché?

Perché al suo interno sono raccolte alcune attività che si potranno vedere in ogni manifestazione, come la mostra fotografica o l’iniziativa “La fame non va in vacanza”.  con cui sarà proposta la confezione di due marmellate in cambio di una offerta per sostenere i costi di gestione del Banco Alimentare.

E la mostra fotografica cosa illustra?

Si tratta di 14 pannelli con molte foto di volontari che illustrano le attività e i servizi svolti, oltre ad una breve storia di questi 30 anni.

 

 

Recommended For You

About the Author: Francesco Inguanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *