Pubblicato il: 17 Aprile 2020 alle 4:21 pm

IL CUORE GENEROSO DELLA SOLIDARIETÀ DELLE CONFRATERNITE DELL’ARCIDIOCESI DI MONREALE

A cura della Redazione

127 Confraternite hanno raccolto 23mila e 200euro

per l’ospedale di Partinico, di Corleone e le famiglie indigenti

MONREALE, 17 Aprile 2020 – La Federazione diocesana delle Confraternite dell’Arcidiocesi di Monreale dopo aver donato all’inizio del mese dona un respiratore e presidi medici all’Ospedale Covid-19 di Partinico del costo di 10mila euro e presidi medici ospedalieri indispensabili all’Ospedale dei Bianchi di Corleone, ha pensato alle famiglie indigenti della Diocesi.

Il video-appello del presidente della Federazione, Valentino Mirto, condiviso fra i 127 presidenti delle Confraternite della diocesi, ha innescato nel mese di aprile una vera gara di solidarietà che è riuscita nell’impresa di raccogliere ben 23.200,00 euro per l’acquisto di un respiratore per l’Ospedale di Partinico e presidi medici compre le mascherine per le famiglie indigenti della Diocesi.

Ben 4mila mascherine saranno infatti divise equamente nei 6 vicariati che compongono il territorio dell’Arcidiocesi, per far fronte alle necessità delle famiglie bisognose che sono servite dalle caritas parrocchiali. I soldi raccolti sono quindi stati spesi per far fronte in particolare all’emergenza sanitaria per via della carenza di presidi medici di protezione.

Ecco perché inoltre sono state acquistate e già consegnate 100 mascherine ffp2 e 50 tute protettive per i medici dell’Hospital Covid di Partinico e 200 mascherine ffp2 per l’ospedale di Corleone. Inoltre già all’inizio di aprile è stato consegnato un ventilatore presso-volumetrico da trasporto VEMO 150 del costo di 10mila euro per la terapia intensiva di Partinico.

I confrati della federazione diocesana, quindi quest’anno ha fatto un altro tipo di “cammino”, non quello devozionale che organizza le feste tradizionali dei comuni della nostra Chiesa Diocesana, che proprio in questo tempo di quaresima e pasqua sarebbero stati impegnati al massimo delle loro energie, ma un “cammino del cuore” che si è fatto solidale con tutti proprio perché alimentato dalla forza della Fede.

Recommended For You

About the Author: Mirto Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *