Pubblicato il: 25 Febbraio 2020 alle 4:11 pm

Omicidio del giovane Paolo La Rosa

COMUNICATO STAMPA – 25 Febbraio 2020

In merito all’omicidio del giovane Paolo La Rosa, avvenuto a Terrasini il 24 Febbraio 2020, Mons. Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale ha dichiarato:

 “Dinanzi a episodi criminosi, quale quello verificatosi ieri a Terrasini, in cui un giovane appena ventunenne, Paolo La Rosa, è stato accoltellato e ucciso da un coetaneo, come Pastore e Padre di questa Chiesa Monrealese esprimo dolore e rammarico per la sofferenza indicibile per un giovane strappato alla vita, come pure per il giovane omicida, vittima esso stesso dell’odio criminale nel quale è cresciuto.

Ci troviamo dinanzi all’assenza di ogni sentimento umano, che porta a prevaricare, ad offendere, a fare del male, a manifestare comportamenti aggressivi e, perfino, a schiacciare ed eliminare l’altro. Siamo di fronte a un diffuso analfabetismo etico, sia nel senso dell’assenza di valori di riferimento, sia per una distorta percezione del bene e del male.

Ci sono per questo responsabilità gravi che vanno riconosciute proprio tra le agenzie educanti – famiglia, scuola, comunità ecclesiale – talvolta inadeguate, a promuovere lo sviluppo morale inteso, soprattutto, come capacità di cogliere, amare e cercare il Bene in tutte le sue forme.

Spero che la coscienza di tutti si svegli in modo forte su questa emergenza educativa, perché non possiamo ancora scuotere la testa e dare pacche sulle spalle di fronte a tragedie simili.

Supplico il Signore Gesù, Pastore Eterno, che con il suo Spirito faccia guarire i nostri cuori feriti; prego il Padre Celeste di accogliere l’anima del giovane Paolo e di donare pace a tutti coloro che sono provati dal dolore e dal lutto. Maria Santissima, Madre dei viventi, accompagni in particolare i genitori e la famiglia di Paolo in questo cammino di consolazione, al quale io stesso – insieme a tutta la Comunità ecclesiale – mi unisco come in un grande abbraccio”.

 

Recommended For You

About the Author: Mirto Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *